Consiglio di Stato, Sezione Sesta, sentenza 23 agosto 2021 n. 6018. Valore sostanziale della motivazione, annullabilità del provvedimento.

L’obbligo di motivazione, previsto dall’ art. 3 della legge n. 241 del 1990, requisito sostanziale e non formale e, pertanto, l’atto che ne sia privo è affetto da un vizio sostanziale e non da un vizio formale,  possiede una forza precettiva tale da resistere alla previsione dell’art. 21-octies, secondo comma, della stessa legge n. 241 secondo cui «non è annullabile il provvedimento adottato in violazione di norme sul procedimento o sulla forma degli atti qualora, per la natura vincolata del provvedimento, sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato». La motivazione costituisce un requisito sostanziale, rappresentando il presupposto, il fondamento, il baricentro e l’essenza stessa del legittimo potere amministrativo e, per questo, un presidio di legalità sostanziale insostituibile.

massima di redazione

testo integrale

Consiglio Stato sez VI sentenza 6018-2021

This Post Has Been Viewed 22 Times