TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa, sentenza 23 gennaio 2018 n. 741

La dichiarazione di riserva dell’esecutore dell’appalto nel registro di contabilità rappresenta un onere cui la legge condiziona, a pena di decadenza, la pretensibilità nei confronti della stazione appaltante degli adeguamenti del corrispettivo alle imprevedibili vicende dell‟esecuzione della commessa e in particolare ai maggiori oneri e sostenuti e mezzi impiegati rispetto a quelli apprestabili alla luce delle prescrizioni dei documenti contrattuali e di gara.riserve appalto Ove anche si riconosca il carattere lato sensu indennitario del credito da riserva, essa rappresenta la modalità con cui la legislazione speciale attua negli appalti pubblici, procedimentalizzandolo a fini di controllo della spesa pubblica alla luce del vincolo costituito dagli atti di gara e dal prezzo di aggiudicazione, il principio generale della variabilità condizionata del corrispettivo proprio dell’appalto d’opera: sicché normalmente le riserve iscritte riguardano proprio il maggior corrispettivo cui l’impresa ritiene di avere diritto a fronte di lacune di progettazione o di maggiori e non prevedibili oneri a carico della propria organizzazione, e partecipano quindi della medesima natura del credito dell‟appaltatore al prezzo convenuto. Dato che il credito da riserva sorge nel momento in cui l’impresa lo abbia iscritto in contabilità, indipendentemente dalla posizione che prenderà la stazione appaltante, la cessione indistinta di tutti i crediti anche futuri sorti ed a sorgere in dipendenza di un rapporto contrattuale d’appalto determinato ed espressamente indicato, comporta che essa si perfeziona per effetto del consenso del cedente e cessionario. L’effetto c.d. reale di trasferimento del credito al cessionario si verifica – senza necessità di ulteriore attività esecutiva –  nel momento in cui il credito viene ad esistenza e, anteriormente, il contratto, pur essendo perfetto, esplica efficacia meramente obbligatoria.

massima di redazione

testo integrale Continua a leggere

Tribunale di Trieste, I Sezione Civile, sentenza 23 maggio 2017 n.357

In materia di appalto pubblico di lavori, le deficienze od errori del progetto esecutivo devono esser rilevate dalla società appaltatrice, con la diligenza media esigibile da parte di un imprenditore interessato a quel tipo di appalto, in sede di accesso ai luoghi di esecuzione dei lavori nella fase di procedura di gara o alla dprogetto esecutivoata di sottoscrizione del contratto. Ove le difformità ed errori del progetto esecutivo siano conoscibili già durante la procedura della gara d’appalto l’operatore aggiudicatario, nel determinare il prezzo da offrire in ribasso rispetto a quello base d’asta per aggiudicarsi il contratto d’appalto, deve ragionevolmente prevedere quanto quelli avrebbero inciso sulla tempistica di esecuzione dei lavori oggetto del contratto e sugli eventuali maggiori costi che avrebbe dovuto sostenere a causa della loro presenza. In conformità al principio di buona fede di cui agli artt. 1337, 1366 e 1375 del c.c. a cui deve ispirarsi il comportamento delle parti di un contratto tanto nella fase delle trattative che ne precede la conclusione, quanto in quella dell’interpretazione e dell’esecuzione, è onere della società appaltatrice segnalare quei vizi e quelle difformità non oltre la data di consegna dei lavori.

massima della redazione ©

testo integrale Continua a leggere

Consiglio di Stato, Sezione Terza, sentenza 10 giugno 2016 n.2497. La Stazione Unica Appaltante è l’unica diretta responsabile della procedura e legittimata passiva, in via esclusiva, in sede contenziosa.

La Stazione Unica Appaltante (SUA) Calabria è il soggetto aggregatore che si occupa dell’intero procedimento ad evidenza pubblica, dalla predisposizione degli atti di gara, fino all’aggiudicazione definitiva ai sensi della L.R. Calabria n. 26 del 7 dicembre 2007 e art. 2 del Regolamento di organizzazione della stessa SUA,  residuando in capo alla amministrazione erogatrice (Regione, enti regionali, aziende sanitarie, enti convenzionati) delle prestazioni la sola stipulazione del contratto.centrale di committenzaL’esercizio dei poteri da parte della SUA per conto delle Aziende Sanitarie è obbligatorio (art. 1, comma 1, L.R. n. 26/07): la SUA agisce per conto dell’azienda sanitaria mediante delega ex lege; il bando di gara – ai sensi e per gli effetti dell’art. 3 comma 34 del D.Lgs. 163/06 – individua la SUA come « amministrazione aggiudicatrice», senza fare alcun riferimento alla ASP, che è esclusivamente la beneficiaria della procedura, posta in essere dalla centrale di committenza. In caso di gara indetta e gestita in via esclusiva da una centrale di committenza in base ad una delega irrevocabile (come nel caso di specie, in cui sussiste l’obbligo ex lege di avvalersi dell’organismo aggregatore) – tale centrale è l’unica e diretta responsabile della procedura. Le aziende sanitarie non sono parti necessarie del giudizio neppure in ordine alla domanda di dichiarazione di inefficacia dei contratti e di subentro negli stessi, essendo sufficiente la partecipazione al giudizio della Regione.

Sul tema: SDANGANELLI, La Stazione Unica Appaltante nella regione Calabria,  in Lexitalia 2008, n.2.

testo integrale Continua a leggere

Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 10 febbraio 2015, n. 6079

corruzioneNel caso di corruzione funzionale all’illegittima aggiudicazione di un appalto, il profitto illecitamente lucrato, oggetto di confisca ex art. 322-ter cod. pen., non può identificarsi con l’intero valore del rapporto sinallagmatico instaurato con la pubblica amministrazione ma va individuato nella sola componente di effettivo vantaggio economico che il corruttore abbia conseguito in forza del suo comportamento illecito. Quest’ultima certamente non comprende il valore, a livello di costo, delle prestazioni effettivamente fornite alla pubblica amministrazione e di cui quest’ultima ha effettivamente beneficiato. L’esborso effettuato dalla pubblica amministrazione, per la parte riferibile alla copertura dell’oggettivo costo della prestazione, non realizza infatti, in sé,alcun lucro per il corruttore. L’illecito vantaggio economico deve poi essere stato conseguito in concreto, non sussistendo altrimenti alcun profitto confiscabile. A tal fine, non basta la mera aggiudicazione dell’appalto ma occorre l’effettivo affidamento e svolgimento dei lavori nonché la riscossione del pagamento da parte del corruttore.

testo integrale Continua a leggere

Il diniego di aggiudicazione nel Codice dei contratti pubblici

Antonello Sdanganelli, Lexitalia 2007, n.11

SOMMARIO: Il diniego di aggiudicazione nel Codice dei contratti pubblici. 2. L’approvazione fra norme vecchie e nuove. 3. La disapprovazione per gravi motivi di interesse pubblico. 4. I controlli nelle procedure di affidamento. 5. Le fasi del procedimento di affidamento di lavori, forniture e servizi. 6. Diniego di aggiudicazione e verifica della soglia di anomalia. 7. Il supporto del controllo di gestione. 8. L’offerta non conveniente. 9. L’offerta non idonea.

1) Per rispondere alle esigenze di semplificazione e di modernizzazione affermate nel I° “considerando” [1] della direttiva 2004/18/CE, i criteri per la scelta dell’offerta migliore ex art.81 d.lgs.12.4.2006 n.163 sono stati contenuti nelle ipotesi tipiche del prezzo più basso e dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Il recepimento nell’art. 81 cit. della norma co Continua a leggere