Consiglio di Stato, Sezione quarta, sentenza 10 febbraio 2017, n. 575.

In tema di superamento dei termini perentori di conclusione del procedimento di valutazione di impatto ambientale VIA, fissati, ai sensi dell’art. 26, d.Lgs..3 aprile 2006, n. 152, in centocinquanta giorni dalla presentazione dell’istanza, il mero inverarsi del presupposto di legge (nel caso di specie scadenza dei termini) non implica l’avvenuta consumazione del potere in capo all’Autorità regionale che, invece, si verifica laddove l’Autorità deputata all’esercizio del potere sostitutivo si sia effettivamente insediata. In una cornice sistematica più ampia, VIAil potere sostitutivo è collegato a posizioni di controllo o di vigilanza, ovviamente esulanti da relazioni di tipo gerarchico, che può essere esercitato dallo Stato o dalle regioni soltanto in relazione ad attività rispettivamente regionali e locali di carattere obbligatorio, sostanzialmente prive di discrezionalità nell’an (anche se non necessariamente nel quid o nel quomodo), sia perché sottoposte per legge a termini perentori, sia per la natura degli atti da compiere, la cui obbligatorietà costituisca il riflesso degli interessi unitari alla cui salvaguardia è preordinato l’intervento sostitutivo. Si tratta di un potere strumentale rispetto all’esecuzione o all’adempimento di obblighi ovvero rispetto all’attuazione di indirizzi o di criteri operativi, i quali siano basati su interessi preminenti in grado di permettere allo Stato, quando ricorrano le necessarie condizioni di forma e di sostanza per un intervento sostitutivo, di superare, in via del tutto eccezionale, la separazione delle competenze tra lo Stato, le regioni e gli enti locali. Ne consegue che, in carenza di esercizio del potere sostitutivo da parte dell’Autorità Statuale l’avvenuto superamento dei termini non vizi l’esercizio del potere da parte dell’Autorità regionale.

Massima redatta da Gloria Sdanganelli ©

testo integrale Continua a leggere

Consiglio di Stato, Sezione Quarta, sentenza 16 dicembre 2016 n. 5335

In base alla normativa di principio di cui all’art. 3, comma 1, lettera d), del T.U. sull’edilizia (disciplina di riferimento anche per l’interpretazione delle norme regionali) un intervento di demolizione e ricostruzione che non rispetti le caratteristiche dell’edificio preesistente – diversa volumetria, seppure in riduzione,demolizione-ricostruzione tra la costruzione demolita e quella costruita, ma anche una significativa diversa collocazione – si configura come una nuova costruzione. Esso non è assimilabile ad un intervento di ristrutturazione che riguarda la trasformazione dell’organismo edilizio nella stessa collocazione e con lo stesso ingombro planivolumetrico.

testo integrale Continua a leggere

Corte dei Conti, Seconda Sezione Centrale d’Appello, sentenza 10.6.2015 n. 314. L’immunità prevista dall’art.122, comma 4, Costituzione, non si applica ai consiglieri regionali responsabili di danno erariale.

 

Può configurarsi la responsabilità dei componenti dell’organo politico qualora esso abbia deliberato nell’ambito di un’attribuzione propria o comunque ingerendosi direttamente in attività gestorie. Ai consiglieri regionale membri dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale che ha disposto l’inquadramento illegittimo di un dipendente nei ruoli dirigenziali, non opera l’immunità prevista dall’art. 122, 4° comma Cost. secondo i principi stabiliti dalle sentenze della Corte Costituzionale nn. 289/1997 e 392/1999, in quanto essa si estende agli atti riconducibili alla sfera di autonomia propria dei consigli regionali connesse strettamente all’esplicazione del mandato rappresentativo, che si vuole preservare dalla interferenza di altri organi.consiglio regionale I consiglieri regionali sono comunque soggetti alla responsabilità amministrativa e contabile per il danno cagionato alle finanze regionali, in quanto l’autonomia organizzativa e contabile dei Consigli regionali non può implicare di per sé che l’amministrazione consiliare sfugga alla disciplina generale, prevista dalle leggi dello Stato. In una accezione prettamente giuscontabilistica il dolo eventuale è accettazione del rischio del previsto verificarsi dell’illecito pregiudizio alle casse della Regione, come si desume dalla superficialità con cui si pervenne all’adozione dei provvedimenti de quibus, caratterizzati da abnorme illegittimità.

testo integrale Continua a leggere