Consiglio di Stato, Sezione Terza, sentenza 28 ottobre 2020 n. 6572. Poteri della Commissione aggiudicatrice sull’adempimento delle obbligazioni in corso da parte di un operatore.

Piero del Pollaiolo

Il Presidente della Commissione aggiudicatrice può svolgere approfondimenti circa l’adempimento delle obbligazioni contrattuali in corso da parte di uno dei concorrenti, senza, per questo, condizionare il giudizio e le valutazioni sulle offerte, posto che la stazione appaltante di un servizio già in corso di svolgimento può e deve estendere la propria valutazione, anche in sede di autotutela, alla interpretazione, ed integrazione ove necessario, delle indicazioni della nuova offerta alla luce del servizio effettivamente svolto dalla concorrente in altri o precedenti rapporti contrattuali. I principi di parità e di massima apertura nelle gare pubbliche vanno rapportati alla necessità che la valutazione sia equamente parametrata, per la pluralità dei partecipanti, a tutti i fattori rilevanti ai fini del miglior raggiungimento dell’interesse pubblico perseguito dall’amministrazione grazie ai principi di libertà economica e di libera concorrenza, i quali postulano un indissolubile principio di responsabilità con conseguente valutazione delle scelte imprenditoriali liberamente adottate ma rilevanti per l’interesse pubblico, ad esempio per fini ambientali o di tutela dei lavoratori o di tutela della salute dei pazienti del servizio pubblico sanitario, al fine di garantire un effettivo e non formalistico perseguimento del principio costituzionale di imparzialità e buon andamento dell’amministrazione.

massima di redazione©

testo integrale

Consiglio Stato Sez III sentenza 6572-2020

This Post Has Been Viewed 22 Times